HOWE GELB BAND and friends of Giant Sand (Usa) dal vivo al Circolo dei Malfattori – domenica 23 febbraio ore 18:00

hat - high resolutionHOWE GELB “The Coincidentalist Tour” feat. Steve Shelley (Sonic Youth) dal vivo al Circolo dei Malfattori – domenica 23 febbraio ore 18:00

Comunicato importante: siamo venuti ad apprendere solo ora con grande dispiacere che Steve Shelley non prenderà parte al tour delle 2 date italiane di Howe Gelb per problemi di salute. Nulla di grave anche se ha avuto problemi alla retina dell’occhio quindi potrete capire. Auguriamo a Shelley di rimettersi.

LA DATA RIMANE CONFERMATA COMUNQUE: HOWE GELB BAND (Usa) con alcuni membri dei Giant Sand e amici. Al posto di Shelley alla batteria un nuovo batterista scelto da Gelb. Prima e dopo il live DJ SET curato da Stereo:Fonica con data in collaborazione. In apertura Antonio Ramberti, Alfredo Nuti Dal Portone e Tommy Graziani. CONTRIBUTO ALL’INGRESSO PER FINANZIARE L’INIZIATIVA RIDOTTO A € 15,00 (INVECE DI 18) SEMPRE CON TESSERA ARCI 2014. Vi aspettiamo domani con lo stesso spirito perché sarà in egual modo un gran concerto.

HOWE GELB “The Coincidentalist Tour” feat. Steve Shelley (Sonic Youth) dal vivo al Circolo dei Malfattori – domenica 23 febbraio ore 18:00

 

Al Circolo dei Malfattori piace far tornare sul palco gli artisti che amano. E Howe Gelb torna volentieri, perché ama il Circolo dei Malfattori.

Howe Gelb presenterà il suo nuovo lavoro, “THE COINCIDENTALIST”.

” The Coincidentalist “ è colui che può leggere le coincidenze , ma che non cerca di capire il loro significato . Infatti cercando di capire il significato alla fine se ne perde il senso . Le coincidenze non sono lì per farsi capire, ma per indicare la strada . ” Howe Gelb

“The Coincidentalist “ prodotto dalla New West Records è il nuovo lavoro di Howe Gelb da solista , leader dei Giant Sand da trent’anni, diventati leggenda,  partiti dal sud degli Stati Uniti ed arrivati alla fama a livello internazionale .

L’album è la conclusione di 30 anni di lavoro, creativo ed inquieto, di Gelb.

Dopo l’incontro nei Giant  Sandworms con il suo grande amico Rainer Ptacek  la band cambia nome nel 1983 e nascono i Giant Sand.La consacrazione dei Giant Sand arriva negli anni ’90 con Joey Burns e john Convertino alla sezione ritmica , che fonderanno in seguito i Calexico.

Gelb, cehe vive a Tucson in Arizona, dice che la sua musica proviene dai colpi di sole ”Ho sempre pensato che fosse un atteggiamento simile tra Thelonious Monk , Neil Young , e Clint Eastwood … una cosa che non si può spiegare… Sono stato attratto immediatamente da quei ragazzi e da tutte le loro creazioni”.

Sia come Giant Sand, da solista o in qualsiasi altro gruppo ( The Band of Blacky Ranchette , Arizona Amp And Alternator, ‘ Sno Angel, OP8 ) Gelb ha percorso i più svariati sentieri musicali, dal jazz al wave, dal punk al country, mischiando gospel e elettronica, country e musica spagnola. Spesso si maschera da talent scout e scopre M. Ward o Grandaddy che debuttan con il primo album per la piccola etichetta  di Gelb. “Giant Sand è l’unione di questi ragazzi per una stagione – ma una stagione può durare pochi anni o un decennio. Da solista però, è tutto diverso : è un’emozione più ampia . Posso sorprendere anche chi già mi conosce . “

L’ultimo album , prodotto e registrato dal Gelb in versione solista, è nato in gran parte a Tucson.

Ma non chiedergli quante prove abbia fatto, perché non lo sa nemmeno lui. Gelb è il cantante principale e suona la chitarra ,pianoforte , e carillon . La sua band in questo disco è composta dal chitarrista M. Ward , dal batterista Steve Shelley dei Sonic Youth e dal bassista dei Giant Sand Thoger Tetens Lund .

Altri amici di Gelb haano partecipato alle sesion del nuovo disco: il cantante scozzese KT Tunstall ( il cui album più recente Invisible Empire /Crescent Moon è stato co-prodotto da Gelb ) , Bonnie Prince Billy (aka  Will Oldham) , il violinista Andrew Bird e John Rauhouse alla pedal steel.

La traccia intro/outro di flamenco è suonata da musicisti spagnoli del calibro di Juan Fernandez Panky , Lin Cortés , e Anil Fernandez, che hanno collaborato con Gelb sulla sua incursione nel mondo zingaro del 2010 concretizzatasi nell’album “Alegria”.

Dall’inizio del nuovo millennio , Gelb aveva registrato sempre in Europa , e ha vissuto in Danimarca , paese di origine della moglie . Ma ha riscoperto le sue radici creative a Tucson, suo quartier generale da sempre.

“Mi sono innamorato della scena musicale di Tucson “, dice Gelb . “Il nuovo gruppo raccoglie musicisti estremamente creativi “.” Io credo che le mie certezze sono ciò che più conta e che alla fine ciò non mi sfa entire a disagio”

Anche se il Coincidentalist è stato registrato nel deserto , una circostanza fortuita ha riunito Gelb con la New West A & R di Gary Briggs . .

“Quando stavo tornando a casa dal mio ultimo tour solista europeo “, ricorda Gelb  “Il destino ha voluto che mi ammalassi, così sono dovuto tornare a casa. Ero sull’aereo e ho sentito una voce dietro di me, era Gary Briggs . Si presentò al gate per Londra : c’erano 4 file di attesa, ma il destino ha voluto che lui fosse proprio dietro di me. Mi sono girato verso di lui e mi ha detto : “Bhè era arrivata l’ora di fare il nuovo disco…Eravamo sullo stesso volo, lui con 10 ore di jet lag io con l’influenza. Nonostante fossimo atterrati…avevamo capito che ci capivamo al volo…”.

Howe ricorda vividamente il suo primo incontro con Oldham, che condivide la voce sul brano dell’album ” Vortexas ” ( termine di Gelb per Tucson ) .

“Dopo l’11/9 abbiamo fatto questo enorme spettacolo al Barbican Theatre e poi di nuovo qualcosa di simile a New York “, dice Gelb .

“Ho incontrato Wille mi ha baciato sulle labbra . Mi ha fatto un’impressione! Avevo sentito i suoi dischi per anni, e mi erano sempre piaciuti . L’idea di Vortexas è nata come canzone omaggio all’album A Taste of  Yesterday’s Wine di Merle Haggard e George Jones. La produzione di Billy Sherrill su quel disco ha sempre stuzzicato la mia fantasia. Will capito l’ idea. “

In questa fase della sua vita , dopo anni di viaggi tra il deserto e l’Europa , Gelb ha ritrovato la strada di casa, Tucson, il deserto e tutto quello che ne consegue. Forse medita di riposarsi un attimo, dopo trent’anni di attività senza sosta non ci sarebbe nulla di strano. Ma Howe è sempre in ritardi, e forse anche questa pausa sarà rinviata.

Prima di Howe Gelb salirà sul palco Antonio Ramberti e i suoi formidabili accoliti Alfredo Nuti Dal Portone e Tommy Graziani che daranno il meglio per proporre alcuni brani tratti dal nuovo album di Antonio Ramberti “Incidenti Musicale” seguiti da Gabriel Sulliva, antautore e chitarrista della band che accompagnerà Howe.

Quindi al Circolo dei Malfattori torna protagonista la grande musica, un evento da non perdere.

Apertura ore 17:30, inizio conceerto ore 18:00

Per informazioni 3939496642

prima e dopo il concerto dj set by Stereo:Fonica!

in collaborazione con Stereo:Fonica.

per info e prenotazioni:  3939496642

Circolo dei Malfattori
Via Santarcangiolese, 4603
Poggio Berni (RN)
aperti ogni giorno dalle 19:00 escluso il lunedì – domenica aperti dalle 17:00
INGRESSO RISERVATO AI SOCI ARCI.
CONTRIBUTO ALL’INGRESSO PER FINANZIARE L’INIZIATIVA € 18,00.
x info: 3939496642
https://circolodeimalfattorisaladiana.wordpress.com/
Circolodeimalfattori.saladiana@gmail.com
Fb: circolo dei malfattori – sala diana
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...